CarlindePaolo si è preso cura di 2ha di bosco: al servizio della biodiversità

  • Home
  • CarlindePaolo si è preso cura di 2ha di bosco: al servizio della biodiversità
15 Mag 2021

Salvaguardare la biodiversità quindi, prendersi cura anche del bosco. CarlindePaolo che, da quattro generazioni si occupa dell’intera filiera vitivinicola, dalla vigna alla bottiglia, ha scelto di contribuire alla salute dell’ecosistema.

Tra il Roero e le Terre Alfieri, dove si trovano la maggior parte dei vigneti della cantina, la famiglia CarlindePaolo si impegna quotidianamente per mantenere quell’equilibrio naturale, alimentando il polmone verde ma anche permettendo all’uomo di vivere l’autenticità di un territorio.

Nello specifico, Davide, uno dei quattro fratelli alla guida dell’azienda, coltiva una cultura del bosco: selezione delle piante, rimboschimento ove necessario e apertura di nuovi sentieri nel verde.

“Siamo produttori, quindi ci prendiamo cura della vigna e della cantina. Ma non è tutto. È nostro dovere preservare il territorio che ci ha ospitato in tutta la sua eterogeneità che crediamo essere un valore a 360°”, spiega Davide Ponte.

Complessivamente, fino ad oggi, sono stati puliti e resi agibili 2ha di bosco nel comprensorio tra Vezza d’Alba e San Damiano d’Asti. Oltre a questo sono stati resi praticabili oltre 20 km di sentieri da percorrere a piedi o in bicicletta.